Serie C, Monza: Berlusconi pronto a chiudere per il 95% del club




MILANO – Silvio Berlusconi non si accontenta. L’ex presidente del Milan fa sul serio nella trattativa per rilevare il pacchetto di maggioranza e alza l’asticella. Secondo le ultime indiscrezioni, infatti, Berlusconi sarebbe pronto ad acquisire il 95% del club brianzolo e non più il 70%, lasciando solo  il 5% in mano alla famiglia Colombo, attualmente proprietaria della squadra che ha appena aperto il campionato di serie C con un successo.

Leandro Cantamessa, storico avvocato del Milan targato Berlusconi, ha completato la due diligence sui conti del Monza, e adesso le parti lavorano sul contratto. La modifica della quota sul tavolo, spiega una fonte vicina al dossier, “è una decisione presa di comune accordo e in totale amicizia nelle ultime riunioni”.
 
Almeno fino al termine della stagione, resterà presidente Nicola Colombo, e il contratto, a quanto si apprende, prevede una clausola grazie alla quale la sua famiglia potrà esercitare in qualsiasi momento il diritto di cedere anche il residuo 5% a Berlusconi. La gestione del club verrà affidata ad Adriano Galliani, senatore di Forza Italia che dopo l’addio al Milan è stato nominato capo di Fininvest Real Estate, e si prepara a fare l’amministratore delegato nel club della sua città, dove ha iniziato la carriera di dirigente sportivo negli anni Ottanta. L’obiettivo è costruire un Monza giovane e di matrice italiana, per portare per la prima volta in serie A il club, che gioca allo stadio Brianteo, a pochi chilometri dalla residenza di Arcore del leader di Forza Italia.
 
A Monza sono convinti che dietro l’affare ci sia anche un investimento immobiliare, legato a spazi commerciali nel contesto dello stadio. L’operazione, che secondo indiscrezioni vale meno di tre milioni di euro, potrebbe essere conclusa il 29 settembre, nel giorno in cui Berlusconi compirà 82 anni, ma non è escluso che le firme arrivino prima.

© Riproduzione riservata