Rizzoli: "Troppi 7 errori con il Var, andiamo di più al video"



MILANO – Nelle prime 120 partite di questo campionato sono 7 gli errori arbitrali legati all'uso della Var (uno in meno della scorsa stagione nello stesso periodo), 5 dei quali "perché non si è verificato al monitor l'episodio". È quanto è emerso nell'incontro fra arbitri e allenatori, in cui il designatore Nicola Rizzoli ha mostrato "tutti gli errori e le situazioni grigie".

"Non possono soddisfarmi 7 errori evitabili, dobbiamo lavorare per evitarli. Controllare al monitor 5-6 volte in più in un campionato è meglio che 5-6 volte in meno", ha detto Rizzoli. Rizzoli ha ricordato che "l'anno scorso si è passati da 5.78% errori a meno dell'1%. Il rischio è pensare di azzerare gli errori: la Var non deve rendere partite perfette ma eliminare quelli più importanti".

In questa prima parte di campionato, dunque, il Var è stato utilizzato 32 volte, due in più rispetto a un anno fa, ovvero una ogni 3,75 partite rispetto a 1 ogni 3,29, "in modo simile allo scorso anno". Il silent check è stato effettuato 657 volte rispetto alle 601 dello scorso anno. In 21 OFR (verifica dell'arbitro davanti al monitor), 13 decisioni sono state corrette e otto sono state confermate; 11 sono state le no OFR (situazioni fattuali non interpretabili – fuorigioco). In totale dunque 24 le correzioni delle decisioni. Gli errori certificati in 120 partite sono stai sette, uno meno dello scorso anno: in cinque casi perché non si è verificato al monitor l'episodio.

RIZZOLI: AMMONIZIONI PER CAPANNELLI INTORNO ALL'ARBITRO  – La seconda stagione con la Var si è aperta con un incremento delle ammonizioni per proteste, e anche per questo il presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, aprendo l'incontro fra arbitri e allenatori ha richiamato tutti i protagonisti del calcio a essere un modello di comportamento da seguire perché, ha sottolineato, il campionato italiano è un prodotto di eccellenza e ha una visibilità planetaria.

"Nelle prime 120 partite, c'è un +20% ammonizioni: 547, rispetto alle 454 dell'anno scorso, e buona parte sono per proteste – ha notato il designatore Nicola Rizzoli -.
 Accerchiare l'arbitro in 3-4 vuol dire mettere pressione. L'arbitro sta in silenzio, chiede al capitano di allontanare gli altri, altrimenti uno viene ammonito".

Il n.1 dell'Aia, Marcello Nicchi, ha chiesto attenzione ai comportamenti anche "in riferimento a ciò che accade ogni domenica sui campi più pericolosi. Se abbattiamo la tensione poi – ha concluso – potremo anche abbattere le barriere negli stadi".

NICCHI: "GLI ESPERTI AL VAR? NO, SI BLOCCHEREBBE LA CRESCITA" – Destinare al Var arbitri a fine carriera "al momento non è all'ordine del giorno". Il presidente dell'Aia, Marcello Nicchi, ha risposyo così alla proposta di alcuni allenatori fra cui l'interista Luciano Spalletti di utilizzare fischietti esperti per il ruolo di video assistente. "A noi interessa che al Var vadano gli stessi che studiano casi, regole e si incontrano ogni settimana a Coverciano, come chi va in campo – ha spiegato Nicchi -. Si creerebbe innanzitutto un blocco alla crescita arbitri. Il processo di maturazione collettiva avviene in automatico, siamo al secondo anno e le cose stanno andando meglio".

Inoltre il designatore Nicola Rizzoli si è detto scettico sulla possibilità di dare un 'challenge' alle squadre: "Che senso ha mettere in competizione l'allenatore con il Var, persone che fanno due lavori differenti? Difficilmente verrà cambiato protocollo".

 

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:. Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi Sostieni il giornalismo Abbonati a Repubblica

© Riproduzione riservata